Scintigrafia renale con DMSA

Piccole nozioni riguardo la scintigrafia renale con DMSA

  • La scintigrafia renale con DMSA è un esame di medicina nucleare che fornisce immagini dettagliate dei reni e della loro funzionalità.
  • Gli esami di medicina nucleare hanno successo grazie all’utilizzo di una piccola quantità di materiale radioattivo chiamato radioisotopo.
  • La scintigrafia renale, di per sé, non è dolorosa, ma è necessaria un’iniezione endovenosa (EV) di una microscopica quantità di radioisotopo prima dell’esame.
  • Se si verrò sottoposti ad anestesia, è importante rispettare le indicazioni del medico sulla dieta da seguire nelle ore che precedono l’esame.
  • Un medico radiologo sarà presente durante tutta la procedura.

Cos’è la scintigrafia renale con DMSA

La scintigrafia renale con DMSA è un esame di medicina nucleare che fornisce ai medici immagini dettagliate non solo sull’aspetto dei reni, ma anche sulla loro funzionalità. DMSA (acido dimercaptosuccinico) è un radioisotopo di breve vita che, una volta entrato in circolo, raggiunge direttamente i reni e rimane radioattivo da poche ore ad un giorno.

Usando il DMSA ed una speciale fotocamera, il medico di medicina nucleare può osservare i reni e diagnosticare problemi nelle loro fasi iniziali. Nonostante una piccola differenza dai raggi X tradizionali e la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica, i test di medicina nucleare che utilizzano i radioisotopi come il DMSA, producono la stessa quantità di radiazioni rispetto ad altri test.

Prima che il test abbia inizio, un’infermiera posizionerà una cannula in endovenosa (IV) nel braccio, nella mano o nel piede. Una piccola quantità di DMSA verrà inserita attraverso la cannula, con dosaggio variabile in base al peso corporeo. All’inizio, il paziente potrebbe provare un leggero fastidio.

  • L’iniezione di DMSA viene effettuata per via endovenosa. Ci vogliono circa 2 ore per il completo assorbimento del liquido nei reni.
  • Senza sedazione, l’agocannula verrà rimossa solo dopo aver effettuato l’iniezione.
  • Con la sedazione, l’agocannula resterà in posizione per tutto l’esame e potrà essere utilizzato anche per un eventuale reiniezione di sedativo.
  • Qualora sia stata prescritta la sedazione, il paziente non potrà mangiare o bere nulla prima dell’esame.
  • Dopo 2 ore, quando il DMSA è totalmente assorbito, sarà possibile ottenere delle immagini dettagliate della misura, forma e posizione dei reni. Tali immagini saranno utilizzate per comprendere il corretto funzionamento renale o mostrare delle aree infette o danneggiate da una precedente infezione.

Come prepararsi all’esame

  • Non è richiesta alcuna specifica preparazione e si può mangiare e bere normalmente, a meno che non venga prescritta la sedazione.
  • Indossare abiti comodi.

Il test

Un’infermiera inserirà la cannula ed inietterà il DMSA. Il tempo di attesa è di circa 2 ore.

Dopo circa 2 ore, il paziente potrà effettuare la scansione. La stanza solitamente è illuminata con luci soffuse e contiene un lettino e il macchinario per fare la scansione, dotato di unasorta di telecamera.

  • Il paziente verrà fatto sdraiare sul lettino.
  • Durante la scannerizzazione, la telecamera potrà muoversi o rimanere fissa sul corpo del paziente senza mai toccarlo direttamente. Lo scanner non è dannoso.
  • Il tecnico rimarrà nella stanza per la maggior parte del tempo.
  • Ogni immagine del rene, per essere sviluppata, impiega circa 8 minuti; la durata complessiva del test è di circa un’ora.
  • In caso di sedazione durante il test, si attenderà il risveglio del paziente in un’area specifica.

Dopo il test

L’esame sarà terminato dopo il controllo e l’approvazione sulla qualità delle immagini da parte del tecnico che invierà i risultati al medico entro 48 ore. In caso ci siano dei risultati urgenti da comunicare, lo specialista verrà contattato immediatamente.

Fonti: Children’s Hospital Pittsburgh/radiology/patient-procedures/dmsa-renal-scan