Terapia ablativa

Cos’è la terapia ablativa

La terapia ablativa è un tipo di tecnica chirurgia minimamente invasiva utilizzata per eliminare i tessuti anomali, come tumori di piccole dimensioni, nei reni o nella prostata.
L’obiettivo è quello di eliminare il maggior numero di cellule tumorali bruciandole o congelandole.

Tipi di terapia ablativa:

  • Crioablazione
  • Ultrasuoni ad alta frequenza
  • Ablazione con radiofrequenza

A quali pazienti si rivolge la terapia ablativa

Crioablazione

Cancro al rene
La crioterapia è una tecnica utilizzata per eliminare tumori di piccole dimensioni al rene (minore di 4 cm). La scelta di evitare l’intervento chirurgico, potrebbe dipendere dall’età o da alcune particolari condizioni mediche, che rendono la chirurgia pericolosa per il paziente.

Cancro alla prostata
La criochirurgia della prostata (CSAP) è un possibile trattamento per tumori localizzati di piccole dimensioni.

Il trattamento di Ultrasuoni ad alta intensità (HIFU)

Gli Ultrasuoni mirati ad alta intensità, sono un possibile trattamento per tumori di piccole dimensioni localizzati nella prostata.

Ablazione a radiofrequenza

Il trattamento RFA è un possibile trattamento nel caso ci fosse un piccolo tumore al rene (minore di 4 cm). La scelta di evitare l’intervento chirurgico, potrebbe dipendere dall’età o da alcune particolari condizioni mediche, che rendono la chirurgia pericolosa per il paziente.

La procedura

Come viene effettuata la crioablazione

La crioablazione è una tecnica chirurgica utilizzata per l’asportazione di tessuto biologico. Durante l’intervento l’ecografia o la tac, vengono utilizzate per indirizzare l’elettrodo.

Il gas liquefatto (azoto liquefatto o argon), raggiunge il tumore attraverso l’elettrodo (Fig. 1 e Fig. 2).

La crioterapia viene utilizzata anche durante l’intervento chirurgico. La temperatura del tessuto organico (rene o prostata) e degli organi circostanti, viene attentamente monitorata attraverso i sensori termici.

Fig. 1: Ablation therapy kills tumour cells in the kidney by either heating or freezing.
Fig. 1: Ablation therapy kills tumour cells in the kidney by either heating or freezing.
Fig. 2: Cryosurgical ablation of the prostate (CSAP) kills cancer cells by freezing them.
Fig. 2: Cryosurgical ablation of the prostate (CSAP) kills cancer cells by freezing them.

Come viene effettuato il trattamento di ultrasuoni ad alta intensità

Il trattamento di ultrasuoni usa l’energia delle onde sonore ad alta intensità per riscaldare le cellule tumorali ed eliminarle (con l’aiuto di scansioni MRI). Può essere utilizzata per l’intera ghiandola prostatica.

Fig. 3: High-intensity focussed ultrasound (HIFU) uses the energy of high-frequency sound waves to heat cancer cells and kill them.
Fig. 3: High-intensity focussed ultrasound (HIFU) uses the energy of high-frequency sound waves to heat cancer cells and kill them.

Come viene effettuata l’ablazione a radiofrequenza

L’RFA viene generalmente applicata utilizzando farmaci che anestetizzano l’area da trattare (anestesia locale), in alcuni casi, il paziente deve essere totalmente sedato (anestesia totale). L’RFA può essere anche utilizzata durante un intervento chirurgico.

L’RFA elimina le cellule tumorali con il calore, attraverso ultrasuoni ad alta frequenza. Le onde radio raggiungono il tumore attraverso un elettrodo.

L’RFA fa arrivare il calore generato da onde radio ai siti delle cellule cancerogene uccidendole, attraverso un ago che passa per l’epidermide. Il collocamento della sonda è guidato mediante scansione di immagini (CT o ultrasuoni). Durante l’intervento viene prelevato un frammento di tessuto renale, per essere esaminato (biopsia) e per comprenderne meglio la tipologia di tumore, prima di avviare il trattamento.

Quali sono gli effetti collaterali dell’ablazione a radiofrequenza

Nonostante il procedimento sia sicuro, ci sono alcuni piccoli rischi di complicanze, quali:

  • Dolore nell’area trattata
  • Sensazione di formicolio sulla pelle (parestesia)
  • Sanguinamento
  • Rari casi in cui è necessaria una trasfusione ematica
  • Fuoriuscita di sangue e urina attorno al rene
  • Danni all’uretere, milza, fegato, intestino
  • Infezioni
  • Problemi nello svuotamento vescicale

 

Follow up

Dopo terapia ablativa, le visite di controllo con lo specialista vengono programmate ogni tre mesi. L’ecografia o la tac vengono impiegate per monitorare reni o prostata ed individuare possibilità di recidiva. Il paziente potrà sottoporsi nuovamente alla terapia ablativa, qualora si ripresentasse il tumore o se il trattamento precedente si rilevasse inefficace.