Tomografia computerizzata (TC o TAC)

Cos’è una tomografia computerizzata?

La tomografia computerizzata utilizza i raggi X per produrre un’immagine digitale dell’interno del corpo del paziente. Quest’immagine fornisce al medico informazioni sulla funzione degli organi e sulla crescita anomala delle cellule (tumori).

Come funziona

La scansione dura circa 10 minuti e non è invasiva, quindi non si inserisce alcun strumento nel corpo del paziente.

Si inietta un mezzo di contrasto nel corpo per via endovenosa per migliorare la visibilità di alcune parti ed alcuni organi del corpo. Per questo esame i reni non devono presentare alcuna anomalia. Prima della procedura viene prelevato un campione di sangue per verificare la funzionalità dei reni. Bisogna tenere conto che il mezzo di contrasto può causare una reazione allergica; in caso di allergie pregresse, si raccomanda di informare il medico. Qualora il paziente stia assumendo farmaci per il diabete, il medico potrebbe chiederne l’interruzione per qualche giorno.

Se la tomografia computerizzata rileva un tumore nel tratto urinario, il medico raccomanderà una biopsia per confermare la diagnosi. La biopsia è una procedura chirurgica (spesso endoscopica, chiamata cistoscopia), che ha la funzione di rimuovere piccoli frammenti di tessuto per ulteriori esami.

Come prepararsi alla procedura

Il medico spiegherà dettagliatamente come prepararsi alla procedura.

Effetti collaterali

Una tomografia computerizzata ha una durata complessiva di 10 minuti ed è spesso poco impegnativa per il paziente. Solo il liquido di contrasto può causare un leggero fastidio, come una sensazione di solletico in gola o di calore.